ufficio del turismo viaggi vacanze gite musei monumentiufficio del turismo ristoranti alberghi monumenti cosa vedere dove dormire mangiare
ufficio turismo viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
destinazioni
turismo turisti viaggiare cosa vedere dove dormire mangiare alberghi hotel ristoranti bed breakfast ostelli
turismo monumenti musei parchi giardini esposizioni manifestazioni eventi principali
turismo trasporti aerei aeroporti metro treni stazioni bus taxi pullman
avvertimenti e pericoli per chi viaggia situazioni rischiose
!!attenzione!!
paesi da evitare consigli per la sicurezza viaggiare sicuri
turismo monumenti musei parchi giardini esposizioni manifestazioni eventi principali
turismo trasporti aerei aeroporti metro treni stazioni bus taxi pullman
vacanze vacanza viaggi viaggio viaggiare gita gite weekend fine settimana itinerari
informazioni turistiche ufficio del turismo monumenti musei alberghi bed breakfast ostelli ristoranti pizzerie agriturismi
cosa vedere dove andare cosa fare tempo libero shopping arte cultura turismo
turismo trasporti aerei aeroporti metro treni stazioni bus taxi pullman
 
ufficio turismo malta informazioni turistiche isola gozo viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
turismo viaggi vacanze gite musei monumenti parchi GOZO turismo viaggi vacanze gite musei monumenti parchi
ufficio turismo malta informazioni turistiche isola gozo viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
L'isola di Gozo è grande un terzo di Malta ed è più rigogliosa e rurale, un angolo tranquillo e rilassante a solo 20 minuti di nave dall'isola principale.
ufficio turismo malta informazioni turistiche isola gozo viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
ufficio turismo malta informazioni turistiche isola gozo viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
ufficio turismo malta informazioni turistiche isola gozo viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
Storia
ufficio turismo malta informazioni turistiche isola gozo viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
Secondo la leggenda, Gozo è l'isola di Ogygia, dove la ninfa Calipso trattenne per sette anni l'eroe greco Ulisse, promettendogli l'immortalità se fosse stato con lei per sempre.
Il destino di Gozo è stato legato a Malta per millenni, sin dal Neolitico; infatti il tempio di Ggantija a Gozo è simile a quello di Malta. Al tempo dei Romani Gozo era sotto lo stesso protettorato di Malta mentre nel Medioevo si autogovernò dal tempo dei Normanni fino all'arrivo dei Cavalieri di San Giovanni.
Lo stesso nome "Gozo" è la chiave per scoprire la sua storia. Fu probabilmente chiamata Gwl, dai Fenici , nome delle loro particolari imbarcazioni. I Greci ed i Romani cambiarono il nome rispettivamente in Gaulos e Gaudos, Aragonesi e Castigliani, che governarono l'isola diversi secoli dopo, ne cambiarono il nome in Gozo.
La popolazione locale è abituata ad usare il nome maltese Ghawdex, che si pronuncia "audesh". 
I Gozitani, da sempre restii alle imposizioni degli stranieri, hanno sempre chiamato la loro capitale con il nome arabo Rabat, anche quando gli inglesi le cambiarono nel 1897 il nome in Victoria, in onore della Regina Vittoria.
Da Vedere
Victoria (Rabat)

malta gozo victoria rabat A Gozo tutte le strade portano a Victoria o, come la chiama la gente del posto, Rabat.
Appena si arriva a Gozo si nota che la Cittadella domina tutta l'isola.
Per secoli la Cittadella ha rappresentato un rifugio contro gli attacchi dei barbari, dei pirati e dei Saraceni.
In passato la sua popolazione è stata resa schiava da molti dei suoi predatori; solo dopo il Grande Assedio, quando le scorribande diminuirono notevolmente , ai piedi della Cittadella si sviluppò una città prosperosa.
Victoria non è solo il centro geografico di Gozo ma è anche il cuore di ogni attività. E' un connubio tra il trambusto del mercato e dei negozi e un'atmosfera amichevole e rilassante.
E' il miglior posto per osservare come vive la gente specialmente quando la piazza del mercato principiale, It-Tokk, comincia ad animarsi.
Curiosando per il mercato di Victoria e le sue stradine tortuose si possono trovare deliziosi prodotti freschi come vini e formaggi, oggetti di artigianato locale, antichità, materiali da pesca e bellissilmi lavori al tombolo. La città ha anche una propria vita culturale molto fervida con molte manifestazioni che vanno dall'opera alle corse dei cavalli che si svolgono nei giorni di festa tra le strade cittadine.

Gharb

malta isola gozo gharb Gharb significa Ovest, ecco perché questo tipico paese gozitano sorge nella parte occidentale dell'isola. Il piccolo villaggio nacque secoli orsono e lo si può vedere andando a visitare le vecchie strade al centro del borgo con tipici edifici decorati con i famosi balconi in pietra. La parrocchia di Gharb venne fondata nel 1679; questo fatto spinse gli abitanti a costruire una nuova chiesa parrocchiale in stile barocco. La chiesa fu costruita tra il 1679 e il 1729 con una facciata molto elegante che da molti venne paragonata alla chiesa di Sant'Agnese del Borromini a Piazza Navona a Roma. Naturalmente l'interpretazione gozitana dello stile è molto più semplice. La piazza del villaggio è la quintessenza di Gozo e per questo è raffigurata in molte cartoline. Sulla piazza del paese si può trovare il Museo del folklore dove poter informarsi meglio sulla storia rurale dell'isola. Gharb sorge nella splendida campagna gozitana e più esattamente sulla collina più alta dell'isola, la collina di Dbiegi, dove si trova anche il centro per i prodotti artigianali gozitani. Fuori dal paese di Gharb si trova l'interessante Cappella di San Dimitri. Secondo la leggenda la Cappella venne voluta per prima da una donna per ringraziare San Demetrius che aveva liberato dalla schiavitù suo figlio. Nelle vicinanze di Gharb si trova anche la basilica di Ta' Pinu, luogo di culto della Vergine Maria a Gozo; qui infatti nel 1883 una donna del posto udì la voce della Madonna.

 
La cittadella di Gozo

malta cittadella di gozo La Cittadella venne fondata nel periodo tardo medioevale anche se gli insediamenti su questa collina risalgono all'epoca del neolitico. Dopo il Grande Assedio del 1565 i Cavalieri decisero di fortificarla nuovamente contro gli attacchi dei saraceni. Fino al 1637 i gozitani erano obbligati da una legge a passare la notte all'interno della Cittadella per la loro sicurezza. Quando questa legge venne abolita grazie all'avvento di un periodo di pace i gozitani cominciarono ad insediarsi direttamente fuori le mura creando la città di Rabat , ora conosciuta con il nome di Victoria.
Un terremoto nel 1693 rovinò parecchi edifici all'interno della Cittadella che oggi, con l'aiuto dell'UNESCO, sono stati sapientemente ristrutturati. Entrando nella Cittadella, come entrando in Mdina , sembra di fare un tuffo nel passato. I negozietti nelle piccole viuzze producono e vendono oggetti d' artigianato e gastronomia locale.
La Cattedrale barocca della Cittadella è il capolavoro dell'architetto Maltese Lorenzo Gafà che edificò anche la Cattedrale a Mdina. Il luogo su cui sorge è probabilmente lo stesso su cui si ergeva il Templio romano a Giunone che si trova citato negli scritti di Cicerone. La Cattedrale fu costruita nei primi anni del 17mo secolo. Il pavimento è composto da tombe in marmo e stemmi ecclesiastici mentre il soffitto è adornato da un tromp d'oeil che raffigura l'interno della cupola mai costruita.

Kewkija

malta isola gozo xewkija Il paese di Xewkija è dominato da una grande chiesa costruita nel 1971 in risposta alla Mosta Rotunda di Malta e venne costruita in modo simile cioè sovrastando un'antica chiesa successivamente demolita. La cupola è più grande di quella della Cattedrale di San Paolo a Londra. L'edificio può contenere l'intera popolazione di Xewkija e cioè 3.000 persone ed è sorto grazie alle donazioni della popolazione e grazie al lavoro diretto di molti di loro. La chiesa all'interno è molto semplice e spartana rispetto alle altre chiese gozitane molto barocche. Un piccolo museo ospita reliquie e affreschi della vecchia chiesa. Il paese ha radici antiche malgrado il suo aspetto moderno, infatti fu la prima parrocchia fondata al di fuori della capitale e il primo villaggio a Gozo convertito alla Cristianità.

 
DOve dormire
Alberghi

HOTEL TA CENC *****
1, TA CENC STREET - SANNAT VCT112
tel: 21556819 - fax: 21558199
vjbgozo@maltanet.net
L-IMGARR HOTEL *****
TRIQ L- IMGARR - GHAJNSIELEM GSM102
tel: 21560455 - fax: 21557589
info@mgarrhotel.com

CORNUCOPIA ****
TRIQ GNIEN IMRIK - XAGHRA XRA102
tel: 21556486 - fax: 21552910
VJBGOZO@MALTANET.NET
GRAND HOTEL ****
TRIQ SANT ANTNIN - GHAJNSIELEM GSM 104
tel: 21563840 - fax: 21559744
info@grandhotelmalta.com
ST. PATRICK'S HOTEL ****
TRIQ MARINA - XLENDI VCT 115
tel: 21562951 - fax: 21556598
VJBGOZO@MALTANET.NET

ATLANTIS HOTEL ***
TRIQ IL-QOLLA - MARSALFORN GBR103
tel: 554685 - fax: 555661
atlantis@digigate.net
HOTEL CALYPSO ***
MARSALFORN BAY - MARSALFORN VCT 116
tel: 562000 - fax: 562012
HOTELCALYPSO@GOZO.COM
HOTEL SAN ANDREA ***
SAINT SIMON STREET - XLENDI
tel: 21565555 - fax: 21565400
RESERVATIONS@HOTELSANANDREA.COM

 
ufficio turismo malta informazioni turistiche viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
ufficio turismo malta informazioni turistiche viaggi vacanze gite escursioni passeggiate
alberghi hotel ostelli bed breakfast agriturismo ristoranti
turismo turisti informazioni turistiche mete destinazioni vacanze viaggi gite weekend arte cultura
turismo monumenti musei parchi giardini esposizioni manifestazioni eventi principali
turismo trasporti aerei aeroporti metro treni stazioni bus taxi pullman